7° Bilancio Sociale AIOP Prov. Bologna

20 settembre 2018

AIOP BOLOGNA PRESENTA IL 7° BILANCIO SOCIALE

Sanità, servono innovazione e cultura per combattere pregiudizi e fake news

  

Per il settimo anno consecutivo le strutture sanitarie private dell’area metropolitana di Bologna pubblicano il Bilancio Sociale Aggregato alla presenza dei propri stakeholder. L’ attività di rendicontazione, svolta da BDO Italia – Sustainable Innovation, ha consentito di avviare un confronto con tutti i portatori di interesse, partendo da dati e numeri reali, lasciando da parte pregiudizi e fake news che nell’era della post verità viaggiano in modo virale distorcendo l’informazione.

 

Il quadro che emerge dal 7° Bilancio Sociale Aggregato, presentato oggi presso la sede di Confindustria Emilia Area Centro, descrive un comparto solido:  composto da 13 ospedali dotati di 1425 posti letto, con un valore della produzione di 208 milioni di Euro, e 2525 collaboratori che hanno assistito 41079 degenti, pari al 21% dei dimessi dell’intera Area Metropolitana di Bologna, versando oltre 16 milioni di euro di imposte e tasse e destinando quasi 11 milioni a investimenti per strutture e attrezzature, con una percentuale di soddisfazione dei pazienti pari al 93%.

 

Rispetto agli anni passati si continua a registrare una leggera flessione dei ricoveri a carico del paziente (out of pocket) che passano da 5865 nel 2015 a 5754 nel 2017. Lo stesso avviene per gli interventi chirurgici in regime out of pocket che passano da 4065 nel 2015 a 3704 nel 2017.

La distribuzione del valore aggiunto, che ammonta a 142 milioni di euro, è stata destinata ai collaboratori per il 74% attraverso le retribuzioni, per l’11,5% alla Pubblica Amministrazione attraverso il versamento di imposte e tasse, per il 9, 5% al sistema impresa sotto forma di ammortamenti ed accantonamenti, mentre lo 0,5% a Banche ed Istituti di Credito e solo il 4,7% quale remunerazione del capitale di rischio.

 

Oltre alle performance dirette bisogna considerare che le strutture private dell’area metropolitana generano un indotto di circa 170 posti di lavoro in ditte fornitrici di servizi (manutenzioni, ristorazione, lavanderia, e pulizie) e nel 2017 hanno versato 46,4 milioni di euro a fornitori con sede legale in Emilia-Romagna.

 

La lettura attenta di questi dati – spiega il Presidente AIOP Bologna Dott. Averardo Orta -  consente di comprendere quanto la componente privata sia indispensabile per la tenuta dell’intero Sistema Sanitario, potendo esprimere elevati livelli di efficacia con una straordinaria efficienza.  Proseguiremo con slancio la strada fin qui percorsa con l’obiettivo di ricevere indicazioni, suggerimenti, stimoli e anche critiche che ci consentano di migliorare la qualità dei nostri servizi e l’apporto che diamo quotidianamente al Servizio Sanitario” – conclude Orta.

 

Al workshop che ha registrato la partecipazione di oltre un centinaio di professionisti e stakeholder, sono intervenuti: Alberto Vacchi presidente di Confindustria Emilia Area Centro, Averardo Orta Presidente AIOP Provincia Bologna e Vice-Presidente Regione Emilia-Romagna, Chiara Gibertoni Direttore Generale Azienda USL di Bologna, Giuliano Barigazzi Assessore alla Sanità e al Welfare del Comune di Bologna e Presidente della CTSS, Carlo Luison  Sustainable Innovation Leader BDO Italia Spa.  Valerio Baroncini Caporedattore Cronaca Il Resto del Carlino in qualità di moderatore dei lavori.

 

Le 13 strutture AIOP Bologna che hanno partecipato alla stesura del 7° Bilancio Sociale, in quanto oggetto dello studio in questione, sono:

Casa di Cura Madre Fortunata Toniolo, Ospedale Privato Accreditato Prof. Nobili, Clinica Privata Villalba Bologna, Ospedale Privato Accreditato Ai Colli, Ospedali Riuniti accreditati Nigrisoli e Villa Regina, Ospedale Privato Accreditato Villa Bellombra, Ospedale Privato Accreditato Villa Chiara, Ospedale Privato Accreditato Villa Erbosa, Ospedale Privato Accreditato Villa Laura, Ospedale Privato Accreditato Santa Viola, Ospedale Privato Accreditato Villa Baruzziana, Ospedale Privato Accreditato Villa Torri.

Documenti