Nuova Villa Bellombra Bologna

13 settembre 2022

Apre le porte a Casteldebole, la nuova Villa Bellombra, presidio ospedaliero specializzato nella riabilitazione intensiva con tecnologia robotica. Una storia centenaria ed un nuovo futuro da scrivere per l’ospedale parco: ottomila metri quadri per un totale di 99 posti letto, divisi in 54 camere, ciascuna dotata di un proprio giardino. Un’opera dedicata ai bolognesi e già vincitrice del premio internazionale “Best Contemporary Healthcare Building”, progettata secondo i principi del benessere e della sostenibilità ambientale. L’investimento complessivo supererà i 21 milioni di euro. 

12 settembre, Bologna_ A meno di due anni dalla posa della prima pietra, la nuova Villa Bellombra sarà inaugurata a Casteldebole, in un’area immersa completamente nel verde. Fondato nei primi anni ’20 del Novecento, dopo cento anni, l’ospedale riabilitativo lascia la storica sede di via Bellombra, a Bologna, per trasferirsi definitivamente nel nuovo edificio che per la sua architettura green e innovativa, ha ricevuto nel 2021 il premio “Best Contemporary Healthcare Building” conferito dal magazine e agenzia di stampa Build a GBA Studio - Gianluca Brini Architetto e progettista della nuova Villa Bellombra.

Il progetto di realizzazione è invece stato affidato alla società Ing. Ferrari di Modena, leader nel mondo delle costruzioni.

 

Ecco i numeri della nuova struttura ospedaliera:

  • 8000 mq. di struttura interna di cui 2.000 destinati alle camere e 6.000 ai servizi;
  • 99 posti letto divisi in 54 camere tutte con giardino privato;
  • 5 ampie palestre con attrezzature, robotiche e non, di ultima generazione;
  • 1 piscina per la riabilitazione specializzata ospedaliera;
  • 16 ambulatori;
  • 500 mq di verde attrezzato;

Anche nella nuova Villa Bellombra il paziente è al centro di un “Progetto riabilitativo e assistenziale multidisciplinare” in continuo e costante miglioramento.

Investire in un momento di crisi come questo – spiega l’Amministratore Delegato del Consorzio Ospedaliero Colibrì Averardo Orta - può apparire avventato ma abbiamo fiducia nelle capacità dell’Emilia-Romagna e di Bologna in particolare, di rispondere con laboriosità e con il consueto ottimismo alle sfide del nostro tempo. Abbiamo dato il massimo impegno per costruire la migliore struttura riabilitativa a livello europeo. Lo sforzo economico è enorme, non abbiamo ricevuto finanziamenti a fondo perduto o agevolazioni di alcun tipo ma abbiamo utilizzato solo risorse proprie e ingenti prestiti bancari. Un’opera che vogliamo dedicare alla città di Bologna e ai bolognesi”.

Rispetto all’investimento economico, la spesa complessiva supererà i 21 milioni ed è parte di un programma di investimenti iniziato nel 2011 per complessivi 50 milioni. La filosofia del nostro Gruppo, che riunisce quattro generazioni di imprenditori, da oltre 120 anni prevede di reinvestire continuamente gli utili di esercizio per migliorare e ampliare i servizi in collaborazione con il Pubblico.

 

Alla cerimonia di inaugurazione insieme al presidente di Villa Bellombra Lorenzo Orta, alla direzione sanitaria e a tutto lo staff, parteciperanno le massime autorità regionali e cittadine: il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, l’assessore regionale alle politiche per la salute Raffaele Donini, il sindaco di Bologna Matteo Lepore.

 

VILLA BELLOMBRA

Con una storia centenaria ed un’esperienza trentennale nel recupero funzionale di pazienti neurologici ed ortopedici, Villa Bellombra è tra i soci fondatori del Consorzio ospedaliero Colibrì, il primo network no profit ad essere costituito da 21 strutture sanitarie e sociosanitarie operanti in tutta la regione Emilia-Romagna.

Villa Bellombra è associata ad AIOP – associazione italiana ospedalità privata, aderisce all’UEHP - European Union of Private Hospital e a Confindustria Emilia Area Centro.

Villa Bellombra dal 2000 consegue la certificazione di qualità UN EN ISO 9001 (CERMET) e ha all’attivo convenzioni con l’Università degli Studi di Bologna, tra cui la Scuola di Specializzazione in medicina Fisica e riabilitativa, e i corsi di laurea in Fisioterapia e Infermieristica.

Nel 2022 il presidio ospedaliero accreditato è stato inserito nel Registro nazionale dei centri clinici autorizzati alla ricerca e alla sperimentazione clinica dell’AIFA – Agenzia Italiana del Farmaco.

Infine l’ospedale è impegnato nello sviluppo di un percorso volto all’eccellenza, all’integrità, al rispetto e all’innovazione di Accreditation Canada

Galleria Immagini
Foto
Foto