Chi siamo

Chi siamo

L´Aiop, Associazione Italiana Ospedalità Privata, rappresenta 533 Strutture operanti su tutto il territorio nazionale con 60.000 posti letto di cui 54.000 accreditati con il Servizio Sanitario Nazionale.

Ne fanno parte 543 Strutture (Istituti a Carattere Scientifico, strutture di alta specialità quali cardiochirurgia, neurochirurgia ed altro, strutture per acuti, strutture di riabilitazione, strutture per lungodegenza post-acuzie, strutture per anziani non autosufficienti, RSA, strutture per recupero funzionale per handicap, strutture per riabilitazione neuropsichiatrica e altro) con 60.000 posti letto di cui 53.000 accreditati. Vi lavorano 12.000 medici, 28.000 infermieri e tecnici e 32.000 operatori di supporto.

L'Aiop della Regione Emilia-Romagna associa 56 strutture (42 ospedali accreditati, 2 ospedali non accreditati, 11 RSA e 1 Hospice) con 6.345 posti letto di cui 5700 accreditati e 8486 addetti diretti (2971 medici, 4753 infermieri e tecnici e 762 operatori di supporto).

L’AIOP svolge il proprio ruolo secondo le finalità fondamentali individuate nello Statuto sociale: sviluppare la qualificazione delle strutture associate, sostenerne la collocazione e l’attività nell’ambito dell’organizzazione sanitaria nazionale. 

Le convinzioni di fondo dell’AIOP, in questo momento storico, legate alla presa d’atto di una realtà sociale in evoluzione dal punto di vista del cittadino e delle imprese, sono tre.

CREDIAMO IN UN SISTEMA PUBBLICO A GESTIONE MISTA, PUBBLICA E PRIVATA

CREDIAMO IN UN SISTEMA PUBBLICO A GESTIONE MISTA, PUBBLICA E PRIVATA

La prima è che crediamo in un Sistema Pubblico a gestione mista, pubblica e privata, che sia in grado di valorizzare al meglio le strutture e le risorse esistenti; un sistema in cui sia privilegiato l’aspetto della qualità delle cure, l’uguaglianza di tutti i cittadini rispetto alla possibilità di pretendere il trattamento migliore in funzione delle risorse messe a disposizione e soprattutto il diritto di fronteggiare la malattia senza differenze sostanziali, anche di tipo economico, tra pubblico e privato (universalità e gratuità del servizio).

QUALITA', LIBERTA' DI SCELTA E TERZIARIETA'

QUALITA', LIBERTA' DI SCELTA E TERZIARIETA'

La seconda convinzione è che ci sia ancora molta strada da percorrere affinché un sistema misto cresca, per quantità e per qualità, per meccanismi di distribuzione delle risorse e per modalità di governance.
In proposito noi vorremmo:

  • che vincesse l’opzione della qualità all’interno di qualsiasi tipo di struttura, dalla valutazione dei requisiti sino al controllo dei risultati;
  • che si affermasse progressivamente una libertà di scelta della struttura ospedaliera nei fatti oltre che nei principi, nell’interesse dei cittadini;
  • che si sviluppasse un effettivo sistema di "terzietà" nei controlli e nei finanziamenti;
  • che si attuassero dei processi di accreditamento istituzionale senza preferenze e a parità di requisiti tra ospedali pubblici e ospedali privati (case di cura accreditate).

VORREMMO FAR CRESCERE I SERVIZI OSPEDALIERI IN ITALIA

La terza convinzione, infine, è che l’Aiop svolga non solo una legittima funzione di rappresentanza degli interessi dei propri iscritti, ma contribuisca a far crescere una cultura di accesso, di gestione e di sviluppo dei servizi ospedalieri nell’interesse del Paese.